La centralina start&stop è un dispositivo che permette lo spegnimento e la riaccensione automatica del motore allo scopo di ridurre le emissioni inquinanti delle automobili.

Un po’ di storia

Il sistema di start&stop venne progettato da Mauro Palitto, che lavorava per il Centro Ricerche Fiat. Nel 1982, nonostante il budget e i costi di produzione limitati, si iniziarono a studiare i tempi morti alla guida (come lo stare fermi al semaforo e agli incroci) con una Ritmo prima serie: l’itinerario prevedeva il percorso tra il CRF di Orbassano e la Fiat Mirafiori di Torino; il risultato fu 35 minuti di percorrenza per i 15 chilometri del tracciato con 12 minuti nei quali l’auto restava ferma, senza traffico congestionato.

Durante lo studio preliminare del sistema start&stop si valutò un risparmio di oltre il 5% con 16 mesi di applicazione sul veicolo. Il problema era conciliare il numero superiore di avvii a caldo (circa 120.000) rispetto a quelli a freddo (circa 25.000) previsti dalle specifiche di quel tempo; la soluzione fu la modifica del sistema di pilotaggio del motorino, che faceva disattivare lo starter una volta raggiunti i 180 giri al minuto: questo permise il funzionamento di almeno un cilindro del motore e un minor impatto sulla vita della batteria e dello starter. Grazie a questi studi, si notò un risparmio del 7% sul percorso urbano.

Come funziona?

Il sistema start&stop, nei veicoli con cambio manuale, prevede che il motore si spenga automaticamente a una velocità inferiore agli 8 km/h e con la leva del cambio su folle; il motore si riaccenderà nel momento in cui il conducente premerà il pedale della frizione per inserire la marcia.

Nei veicoli con cambio automatico, lo start&stop provvede allo spegnimento del motore quando l’auto è ferma (quindi a 0 km/h) e all’accensione quando il conducente toglie il piede dal pedale del freno.

Nelle macchine odierne, questo sistema permette una riduzione dei consumi e delle emissioni e un risparmio dell’8% circa, fino a un 15% nelle situazioni di traffico reale.

Oggi, le batterie dei veicoli che prevedono lo start&stop possono resistere fino a 300.000 accensioni, contro le 30.000 delle vetture che ne sono sprovviste.

Quando si disinserisce questo sistema

Lo start&stop si disinserisce automaticamente quando:

  • Lo stato di carica della batteria è insufficiente per il suo funzionamento
  • La temperatura d’esercizio del motore non è ottimale
  • È presente una notevole differenza di temperatura tra l’interno dell’abitacolo e l’esterno a causa dell’uso del condizionatore

Hai problemi con lo start&stop o vuoi saperne di più? Contattacisubito!

Recommended Posts